Copy
Mercoledì 31 Dicembre 2014
News On Line - Anno V numero 6
Responsabile Stefano Bagnasco

L'Editoriale

Andare controcorrente

 

Ho sentito dire che col tempo tutto passa e se ne va...

Questo numero esce per la prima volta nella sua ricca seppur breve storia nell'ultimo giorno dell'anno. Così. Per dare, insieme alle notizie del club, un messaggio positivo a tutti. Perché andare controcorrente non vuol dire fare il Bastian contrario (lo sarebbero anche, visti i titoli delle loro rubriche ed i contenuti dei loro pensieri, il nostro ID Fresia, il PCC Sabatosanti, a suo modo anche Marcianò e solo per citare a memoria tre nomi a caso) vuol dire semplicemente spronare le persone a pensare e ad agire scegliendo di farlo e non perché semplicemente viene detto loro di fare così. Pensare di fare qualcosa, di realizzare qualcosa con la propria volontà e decisione vuol dire lasciare spazio all'ottimismo in una rinnovata strategia della fiducia dopo che per tanto tempo, e ne siamo consapevoli tutti perché ne é impregnato il quotidiano, abbiamo imprigionato le nostre energie a causa del pessimismo, anche percepito, che ci veniva descritto. Allora Andiamo controcorrente anche questa volta. Finiamo bene il 2014 e ripartiamo con un sorriso!
Un Augurio speciale e non dimenticate che ho sentito dire che con tempo tutto passa e se ne va...
(l'immagine appartiene al gruppo RCS ed é usata senza alcun scopo di lucro) 
Per Aspera Ad Astra!

Il resoconto di Dicembre

La notte di Natale in Piazza: con la collaborazione di soci, amici e simpatizzanti abbiamo donato 5123 pasti equivalenti

 

Cosa abbiamo fatto e cosa dobbiamo ancora fare

lo scorso 24 dicembre, e cioè la vigilia di Natale, in P.zza San Secondo Ad Asti il nostro club ha realizzato quello che è diventato il service principale dell'anno, pur essendo solamente alla seconda edizione con 5123 pasti equivalenti preparati in parte distribuiti (2400) ed in parte consegnate alla mensa dei poveri (2723) e poi quasi 100 persone per cui è stata preparata e servita la cena. In tutto semplicemente il doppio dello scorso anno! Un Successo. Una grande prova di Club! La serata, che aveva il patrocinio del Comune di Asti ed era realizzata in collaborazione con l'Assessorato alle politiche Sociali del comune di Asti, ha visto presente in piazza, oltre ai Soci, agli amici simpatizzanti che ci hanno dato una mano, lo stesso Assessore Piero Vercelli che ha, con noi, distribuito i pacchi preparati. Oltre ai prodotti alimentari vi erano anche doni per tutti i bambini dei nuclei familiari a cui era rivolto il service. Tantissimi sono stati gli attestati di stima e di compiacimento per l'iniziativa. è giusto riportare il commento, tra gli altri appunto, del presidente Marta Ferrero: "Abbiamo vissuto la Vera atmosfera del Natale, fatta di condivisione e solidarietà. Grazie a tutti gli amici che ci hanno aiutato e dedicato il proprio tempo per questa iniziativa. Anche noi, nel nostro piccolo, siamo stati grandi!"
E poi, alla fine di tutto, abbiamo festeggiato noi!
Le immagini della serata possono essere viste cliccando qui
gli Amici che ci hanno aiutato nell'operazione

Cosa faremo a Gennaio

La genetica e le nuove scienze forensi al servizio delle attività investigative  

 

Con la partecipazione del genetista forense e biologo molecolare Dott. Giorgio Portera, già tenente dei RIS di Parma, consulente, tra gli altri, dei casi di Yara Gambirasio e di Elisa Claps

Il prossimo 29 gennaio ritornano le serate a tema dell'Asti Alfieri con il dott. Carlo Portera, genetista forense e biologo molecolare che ci introdurrà nel mondo delle nuove scienze forensi al servizio delle attività investigative.
Gli accertamenti tecnico scientifici risultano sempre più decisivi e materia di dibattito per la risoluzione di casi giudiziari, soprattutto quelli che riguardano l'analisi del DNA e la ricostruzione della scena del crimine. Insomma una serata interessante e curiosa per poterne capire di più da parte di chi si occupa quotidianamente del problema. Per la serata, visto l'argomento, è stato chiesto l'accreditamento per il conseguimento dei Crediti Formativi all'Ordine degli Avvocati della provincia di Asti. Per informazioni e prenotazioni cliccare qui.

Gli appuntamenti di Gennaio

1
2
3
4

5
6
7
8
9
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
1
2
3
4

 

L'appuntamento di stasera

1
2
3
4

5
6
7
8
9
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
1
2
3
4

 

In giro ... per il nostro passato

Storie di Cavalieri raccontate dal Prof. Alessio Varisco

 

Socio Onorario del Club ed esperto in Antropologia dell'Arte Sacra, Alessio, perché è così che lo conosciamo, ci condurrà in un cammino che, seppur dalle sfumature fiabesche, è la nostra storia

Le Rotonde del Santo Sepolcro
SANTA MARIA “DE TEMPLO” IN ASTI (continua dal numero precedente)
L’indicazione che agli inizi del XVII secolo vi fosse un toponimo dedicato ai Templari significa che la chiesa, un tempo, era appartenente ai Milites Templi -volgarmente detti “Cavalieri del Tempio”, “Tempieri” o Templari-, dai quali, con molta probabilità fu costruita intorno al XIII secolo. Un’attestazione del 1227 dichiara “in Ayralio Sancte Marie mansionis templi de Aste” il 24 Maggio di quell’anno, presso questa chiesa già esistente templare, fu convalidato il trattato di pace stilato già un mese prima fra il marchese Bonifacio di Monferrato ed il Comune di Asti; questo importante atto fu siglato nella chiesa di “Santa Maria di Frinco” nell’aprile di quell’anno. Quella chiesa titolata a “Santa Maria del Tempio”, nel corso della storia, seguì le vicissitudini dei Milites Templi, difatti con la Bolla “Vox in excelsis” di Sua Santità Clemente V -emanata il 22 Marzo 1312- soppresse l’Ordine del Tempio e la chiesa, così come le altre strutture templari, con tutti i loro beni posseduti passò ai Giovanniti che già possedevano un hospitium, la chiesa e la rotonda dell’Anastasis di San Pietro in Consavia ad Asti. Si noti che nel complesso di San Pietro in Consavia, l’edificio erroneamente detto battesimale -il battistero di San Pietro- era anticamente una riproduzione dell’Anastasis gerosolimitana, edificato intorno al 1160 dai Cavalieri di San Giovanni, vi era un altare dedicato alla “Madonna del Tempio”. Un’ipotesi, ripresa anche dal prof. Tosco, confermerebbe che i Giovanniti acquisirono i beni e chiese templari, da cui deriverebbe il titolo, appunto, di “Santa Maria de’ Templo” e che soltanto dopo la demolizione della chiesa dei Milites Templi fosse traslato, forse, uno degli altari. Non è un caso che l’altare mariano venisse traslato nell’Edicola della Risurrezione di Cristo, così come le statue della Cattedrale che mostrano un complesso di terre cotte, simili a quelle dei Sacri Monti, con le mirophore che piangono il corpo del Divin Maestro deposto . Un significato liturgico, essenzialmente legato anche alla mimesi della Religione Giovannita che, in Rodi, aveva sviluppato un radicale attaccamento alla Beatissima Vergine. Difatti gli Ospitalieri di San Giovanni che già avevano San Giovanni Battista come loro “Padrone”, conquistando Rodi iniziarono dal Monte Phieleremo -dove vi era un monastero bizantino con una eikon miracolosa, già venerata da tutti i pellegrini diretti verso i Loca Sancta che rendevano omaggio alla Madonna di tutte le Grazie - resta significativo comunque che proprio San Pietro sia stato scelto per trasferire la dedicazione. Interessante notare che questa dedicazione degli altari non compare solamente nel complesso dell’anastasis gerosolimitana astigiana, ma anche in un disegno dell’altare realizzato dall’abate Stefano Incisa -storico locale astigiano del XIX secolo- che descrisse la “Madonna del Tempio come il primo di destra.  fine seconda parte - continua sul prossimo numero.
Prof. Alessio Varisco, Direttore Antropologia Arte Sacra 
 

Il LC Asti Alfieri per il suo Territorio

Santa Maria di Viatosto

 

Una fusione di elementi romanici con l'architettura gotica












clicca sull'immagiine per visualizzare le informazioni
 
Copyright © 2015 Lions Club Asti Alfieri - District 108Ia3 - Italy, All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp


Gli Amici che collaborano con noi...

 

 

  

 
 
 unsubscribe from this list | update subscription preferences