Copy

#I NOSTRI ERRORI
Buona Domenica 🌈   Dobbiamo avere il coraggio e la pazienza di riflettere su una serie di errori che hanno indebolito la Liberaldmocrazia. Sono tra le ragioni del conflitto tra Russia e UcrainaRisolverli richiede tempo ma ci aiuterà a espandere le nostre Libertà e a migliorare il nostro benessere, anche in un contesto di repentini cambiamenti. 

Buona Settimana daL Poggio di Leo,
Paga
COSA NON SUCCEDE   Il conflitto tra Russia e Ucraina dovrebbe farci riflettere su una serie di errori che abbiamo commesso come OccidenteUE e Italia, cioè promotori della Libertà e della Liberaldemocrazia. Sono questi gli errori che ci hanno condotto a questa drammatica situazione in cui richiamiamo lo scontro contro il dittatore ma non prendiamo le armi, vogliamo la pace ma non cerchiamo il compromesso necessario. 

PERCHÈ È IMPORTANTE?   Il riconoscimento dei nostri errori ci potrebbe aiutare a rafforzare la Democrazia Liberale che invece, abbiamo indebolito, e a meglio diffonderla al resto del globo, cosa che non siamo riusciti a fare fino ad ora. 

NON CI SONO GARANZIE   Per troppo tempo abbiamo creduto che la Libertà è ormai garantitaLa abbiamo affidata al mercato credendo che con la globalizzazione economica e finanziaria il resto del mondo sposasse i principi Liberali. Così non è successo. 
  • Abbiamo confuso il mercato con il primato dei monopoli e degli oligopoli alimentando di fatto, chi nel mercato non trovava quelle opportunità che invece andavamo promettendo. 
  • Da qui sono nati (o meglio hanno irrobustito le preesistenti culture illiberali) quei movimenti anti globalizzazione e mercato che stanno minando i fondamenti stessi della Democrazia Liberale. 
  • Le più recenti critiche dei dittatori di mezzo mondo al Liberalismo democratico hanno trovato ammiratori e ampio sostegno tra politici e media occidentali (gli stessi che ora li censurano). 
SUDDITANZA EUROPEA   In Ucraina, noi europei, abbiamo rinunciato al confronto, lasciando campo libero a chi, dall’altra parte dell’oceano, ha sempre creduto che la Democrazia fosse esportabile. Abbiamo persino cercato di imporre la Liberaldemocrazia tradendo i suoi stessi principi, come il governo della legge. Siamo stati i primi a spingere gli ucraini a non rispettare gli accordi negoziati (Minsk 2015).

ESPORTARE LA DEMOCRAZIA?   Abbiamo scioccamente creduto che la democrazia Liberale fosse esportabile, o meglio da imporre. Essa deve invece poter maturare attraverso il confronto critico.I principi della Democrazia a cui ci affidiamo in Occidente si sono evoluti attraverso un percorso lungo e tortuoso. Pensare che altrove attecchiscano subito in terreni ostili è da ingenui. 
  • Così Russia ma anche Ucraina sono molto lontane da quell’idea di Democrazia che abbiamo costruito lentamente. Lo dimostrano le difficoltà, già dimenticate, che denunciavamo fino a ieri con Polonia e Ungheria
Non possiamo quindi pensare di risolvere tutto allargando la UE e ripetendo l’errore già fatto. Nè possiamo illuderci in un colpo di stato a Mosca da cui sbocci una stagione di Liberaldemocrazia (in un secolo la Russia ha sperimentato due imponenti rivoluzioni senza esiti democratici).  

MACCARTISMO   In Italia censuriamo e accusiamo di complicità con i dittatori chi osa sollevare dubbi sul nostro stesso operato di occidentali - come sto facendo io. Il dubbio e la critica sono principi fondamentali del Liberalismo, rinunciarvi significa tradire quanto andiamo propagandando. 

L’IRRILEVANZA DELL'OCCIDENTE?   Non abbiamo capito che le condizioni intorno a noi sono cambiate profondamente. La nostra domande di benessere cresce esponenzialmente tanto che dipendiamo dai beni che importiamo da altri paesi che nel frattempo hanno maturato indipendenza e capacità negoziale. 
  • Noi dipendiamo da loro, loro dipendono sempre meno da noi - forse solo per i mercati finanziari e poche altre tecnologie
Così mentre facciamo la guerra economica alla Russia scopriamo che ci troviamo soli perché la geopolitica è cambiata profondamente e con la globalizzazione il groviglio di interessi è diventato molto complicato

L’IDEOLOGIA VERDE   Invece di preoccuparci di progettare filiere resilienti per soddisfare i nostri bisogni, ci siamo ingenuamente dedicati a salvare il pianeta. Eppure è  un’urgenza di cui farci carico, il cui successo però, non deriva da politiche emotive e ideologiche che aspirano alla favola del mondo migliore, ma dalla capacità di procurarci risorse energetiche e alimentari senza gravare sul pianeta. 
  • Così mentre a Brussels si occupavano di salvare il mondo, il mondo si avviava verso la stagflazione e il rischio di restare senza nutrienti e energia. 
CHE FARE   Evitiamo l’errore di affermare che la decrescita è la soluzione ai mali del mondo. 
JOIN THE CLUB
Copyright © 2022 Pietro Paganini, All rights reserved.

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp