Copy

#INDOVINA CHI
Buona Domenica 🌈   Berlusconi potrebbe diventare Presidente. Chi continua a ignorare il fatto evocando alternative irrealistiche non fa altro che aumentare le chance dell’ex Primo Ministro. Quali sono le alternative e perché sono deboli?
Quali sono le responsabilità dei partiti e cosa dovrebbero fare per trovare una soluzione che sia davvero garante dei diritti e delle Libertà di noi cittadini?*

Buona Settimana da Milano.,
Paga
COSA SUCCEDE?   Berlusconi potrebbe diventare il nuovo Presidente della Repubblica. Attualmente è l’unico candidato dichiarato e con il numero di voti più vicino alla maggioranza. Alla quarta votazione potrebbe farcela
Non c’è un candidato alternativo. Ci sarebbe Draghi, non pubblicamente candidato, e osteggiato da tantissimi sostenitori (interni e esterni) del suo Governo. 
Alcune forze politiche e i media continuano a evocare scenari che non hanno alcun riscontro nei fatti: il ritorno di Mattarella, il candidato donna, i pochi voti di Berlusconi, e candidati fantomatici, etc.. 

PERCHÈ È IMPORTANTE?   Così facendo, media e poteri influenti vari illudono i cittadini e si illudono che Berlusconi non vinca. Non fanno altro che favorire l’ascesa dell’ex Primo Ministro
  • I media dovrebbero attenersi ai fatti
  • I partiti dovrebbero presentare candidati che possano realmente dimostrarsi credibili garanti dei diritti e delle Libertà dei cittadini. 
COSA DITE   Per i sondaggi (SWG) l’ampia maggioranza degli italiani (intervistati) ritiene Draghi il più adeguato tra una serie di potenziali nomi presentati (52%). Seguono Cartabia (29%), Gentiloni (28%), Casellati (26%), Severino (20%). Berlusconi è molto dietro (18%) con Franceschini, Casini, Moratti, e Amato. 

VINCE BERLUSCONI SE   Per la coalizione di Centrodestra, composta da LegaForza Italia, e Fratelli d’Italia, Berlusconi è il candidato. Non hanno i voti fino a Giovedì 27 Gennaio
  • Invece, alla quarta votazione potrebbe raggiungere la fatidica meta di 505
  • Dove si possono trovare i voti? Nel gruppo misto, o tra qualche grillino ostile a Conte (che Berlusconi dice di non volerlo). 
MISSION POSSIBLE   Quella di Berlusconi non è una missione impossibile. È molto più facile di quanto si possa pensare, soprattutto se non gli si contrappone un candidato più credibile, o non si trova un accordo più ampio per i primi tre voti. 

CHI ALTRO?   Chi è il candidato/a più credibile? Di nomi ne sono girati molti, ma nessuno sembra trovare ampi consensi, sennonché la Sen. Segrè. Sarebbe una candidatura molto evocativa sia per la storia personale sia perché donna. 

ACCORDI E TRADIMENTI   Ma anche qui servono i numeri, cioè un accordo con Berlusconi, o un tradimento di una parte del Centrodestra.
  • Questo ragionamento vale per qualsiasi candidatura che si opponga a Berlusconi alla quarta chiamata. Senza il benestare di Berlusconi non si va da nessuna parte.
  • Il tradimento dei suoi comporterebbe l’immediata ritorsione dell’ex Premier. 
DRAGHI SUBITO   Ritorniamo allora alle tre prime chiamateChi potrebbe raccogliere i 2/3 dei grandi elettori? La risposta dei cittadini al sondaggio è chiara: Draghi
  • Ma Draghi non gode del supporto di una gran parte dei suoi stessi sostenitori al Governo
  • Sinistra perché lo sopportano a malavoglia, cioè per convenienza. 
  • Tutti gli altri perché ne traggono vantaggio con la sua presenza al Governo evitando di presentarsi ai cittadini e restando a gestire il potere. 
  • Fuori, i gruppi di potere lo vogliono a Palazzo Chigi perché non vedono un’alternativa che i partiti non sanno avanzare. 
DRAGHI SE   Draghi deve perciò convincere i partiti a sostenerlo garantendo un Governo di continuità ma politico. Riuscirà? È Difficile perché anche se i partiti acconsentissero qualche (tanti) franco tiratore si manifesta sempre. 

LO STALLO   È una situazione di stallo che favorisce solo un candidato: Berlusconi, ma che scontenta la maggioranza dei cittadini, anche quelli di Centrodestra per la ragione che lui, con i suoi comportamenti reali, ha dimostrato di non avere le caratteristiche di imparzialità che sono richieste al Presidente della Repubblica. 

CHE FARE? Inutile piangere sul latte versato. Ma dei partiti seri e attenti ai cittadini si sarebbero dovuti presentare molto prima con candidati seri e credibili che potessero rappresentare i cittadini. Così non è stato. Ora devono pescare dal cilindro un altro simil Draghi, cioè un candidato che tolga le castagne dal fuoco. 

CI PERDIAMO SEMPRE NOI   i cittadini che si distaccano sempre di più dalla politica, e il sistema paese che diventa meno credibile. In altre parole, finisce l’effetto Draghi. Come dice un famoso quanto colorato personaggio cinematografico, “quando la fai sotto la neve e poi la copri, ma poi la neve si scioglie, e la m… viene a galla”. L’elezione del Presidente potrebbe sciogliere la neve…

*Considero Berlusconi assolutamente inadeguato per il ruolo. Ma credo che sia un suo sacrosanto diritto candidarsi al Quirinale e battagliare per riuscirci. 
JOIN THE CLUB
Copyright © 2022 Pietro Paganini, All rights reserved.

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

Email Marketing Powered by Mailchimp