Copy
Gent.li Aderenti,
 
a supporto delle piccole e medie imprese, in questo difficile momento dal punto di vista umano, sanitario ma anche ovviamene economico e finanziario, il sistema bancario si è adoperato con una serie di misure di sostegno per la gestione della liquidità nel breve e medio periodo. In collaborazione con il ns Studio di consulenza fiscale, "Studio Associato Bortolotti Zambon Maestri”, abbiamo cercato di sintetizzare le misure adottate:
  1. In tutta Italia è già operativo l’Accordo tra ABI e le Associazioni di impresa, con cui è stata estesa ai prestiti concessi fino al 31 gennaio 2020 la possibilità di chiedere la sospensione o l’allungamento.
  2. La moratoria è riferita ai finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese danneggiate dall’emergenza epidemiologica “COVID-19”.
  3. La sospensione del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti può essere chiesta fino a un anno.
  4. La sospensione è applicabile ai finanziamenti a medio lungo termine (mutui) e alle operazioni di leasing, immobiliare o mobiliare. In questo ultimo caso, la sospensione riguarda la quota capitale implicita dei canoni di leasing. Per le operazioni di allungamento dei mutui, il periodo massimo di estensione della scadenza del finanziamento può arrivare fino al 100% della durata residua dell’ammortamento.
  5. Per il credito a breve termine il periodo massimo di allungamento delle scadenze è pari a 270 giorni.
Nell’accordo è previsto infine che, ove possibile, le banche possano applicare misure di maggior favore per le imprese rispetto a quelle previste nell’Accordo stesso e si auspica che, al fine di assicurare massima tempestività nella risposta, si accelerino le procedure di istruttoria.
 
Cliccando qui potete scaricare l’elenco degli istituti bancari aderenti all’iniziativa e il Modulo base per la richiesta della sospensione dei debiti descritti cliccando qui.
 
Ci sono ovviamente alcune condizioni richieste per usufruire delle dilazioni promesse, che sintetizziamo di seguito e che troverete ugualmente descritte nel Modulo di richiesta allegato:
  • di essere un’impresa con un numero di dipendenti a tempo indeterminato o determinato non superiore a 250 unità e un fatturato annuo minore di 50 milioni di euro (oppure un totale attivo di bilancio fino a 43 milioni di euro);
  • [per i mutui e leasing] di non avere rate scadute (non pagate o pagate solo parzialmente) da più di 90 giorni;
  • [per le operazioni di anticipazione] che i crediti oggetto di anticipazione per la quale si chiede l’allungamento della scadenza sono certi ed esigibili;
  • che il finanziamento oggetto della richiesta di sospensione/allungamento non abbia già usufruito di analoga sospensione/allungamento nell'arco dei 24 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, ad eccezione delle facilitazioni della specie concesse ex lege in via generale;
I singoli istituti bancari hanno intrapreso, inoltre, iniziative personalizzate, come la concessione di ulteriori finanziamenti a medio lungo periodo a condizioni favorevoli e dedicate, a partire dalle spese di istruttoria.
 
Vi invitiamo, quindi, ad approfondire prontamente le posizioni che ognuno di Voi ha con i singoli istituti bancari, poiché le richieste sopra riportare sono usufruibili da tutte le piccole medie imprese e in grado di supportare e alleggerire le tensioni finanziare che questo momento sta arrecando a tutto il sistema impresa.
 
Cordiali saluti

Roberto Atti
RESPONSABILE AMMINISTRAZIONE E FINANZA

Copyright © 2020 Made Italia S.p.A., All rights reserved.
Email Marketing Powered by Mailchimp